Un po di storia personale:

ho fatto sport fin da bambino quando avevo un decina di anni, cominciando a giocare a  Baseball in strada, grazie ad un allenatore che si trasferì a vivere nella stessa via nella quale abitavo; si avvicinò mentre giocavamo con un pallone, ci porto guantoni e palline e chiese se volessimo provare. Non sapevamo assolutamente di cosa si trattasse, erano gli anni 70, ma trovammo subito divertente lanciarci e prendere quella palla con quel grande guanto.

Cominciai così a praticare uno sport con continuità e fui fortunato; devo ringraziare quell'allenatore "Leo". Non vi racconto come andò a finire...perchè è un po lunga ma fu bellissimo.

A 13 anni, grazie a mio padre, e ad un lavoro che non mi lasciava tempo durante il giorno, iniziai a praticare Judo la sera, presso il mitico Geesink club e conobbi Giuliano Gibertoni che fu oltre che un allenatore, un'altro padre. Ho praticato judo per 15 anni, mi ha costruito il corpo e allenato la mente; la muscolatura, l'elasticità, la postura e la determinazione si è forgiata nella pratica dello judo.

Nel frattempo, ho conosciuto l'attrazione per la natura, gli animali e le piante attraverso la fotografia e subito dopo i sentieri, la roccia, la neve e il ghiaccio come vie da percorrere e sulle quali mettere alla prova le mie capacità.

Scoprii il CAI che divenne la mia casa per molto anni, prima come socio fruitore, dopodiché...capogita e istruttore ai corsi di alpinismo e intanto la passione per l'arrampicata cresceva. Ho vissuto per molti anni la montagna in tutte le stagioni e in tutti i modi, con gli sci da fondo escursionismo e scialpinismo, canali e cascate di ghiaccio, ferrate e arrampicate in montagna...e l'alta quota...che mi ha domato.

La passione per quello che facevo mi ha portato ad entrare volontario nel Soccorso Alpino, attività che mi ha donato grandi esperienze e soddisfazioni; ne ho fatto parte per 21 anni, come tecnico e responsabile della didattica e prevenzione prima e poi come TES alla base di elisoccorso di Pavullo nel Frignano; 6 anni indimenticabili.

Vivevo intensamente la montagna e sentivo l'esigenza di migliorare la performance, ho capito che dovevo lavorare sulla tecnica e studiavo allenamenti specifici....mi sono messo in gioco ed ho creato un'attivita serale presso una palestra (sporting club), grazie all'incoraggiamento di due insegnanti iSEF, Panzani Giancarlo e Lelli Sergio che mi incitarono e consentirono di attrezzare una parete con delle prese fatte in legno; fu una delle prime palestre d'Italia ove ci si allenava per arrampicare (1990).

Nel 1995 partecipo ad un corso per diventare istruttore con la F.A.S.I......volevo capire se c'era un modo d'insegnare la tecnica, ma in realtà in quegli anni, anche in federazione, la didattica era un po approssimativa. Durante il corso ho appreso soprattutto i regolamenti e ho ricevuto un inquadramento federale; ciò mi ha stimolato ad evolvere l'attività in palestra verso l'agonismo e trasformai il "ramo" climbing dello Sporting club in un'associazione autonoma....nasce ASD Equilibrium, è il 1996.

L'ambiente agonistico della FASI mi stimola tanto da fondare l'attività giovanile e proseguire nella formazione personale; in seguito ho partecipato a tutti i corsi di formazione di livello superiore e l'indole solidaristica e propositiva mi ha reso disponibile a ricoprire ruoli tecnici e  dirigenziali in seno alla Federazione. Sono stato Consigliere Federale al fianco di Andrea Mellano prima e con Ariano Amici poi. Sono stato membro della commissione tecnica e formazione FASI per più di 20 anni, collaborando alla stesura della guida tecnica ufficiale CONI/FASI sull'Arrampicata Sportiva (1999).

Un'evento in particolare stimolerà la vocazione per lo studio delle tematiche allentave nel mondo climbing. Il 19 febbraio 2006 organizziamo a Modena, presso la Palestra Equilibrium a Portile, uno stage sull'arrampicata speed tenuto da direttore sportivo della Nazionale Russa, Alexander Piratinsky, in presenza degli allora vicecampione del mondo Sergej Sinicyn e terza in quell'anno, Anna Stenkovaya che dettero dimostrazione della loro abilità nello salire velocemente le pareti verticali dell'Equilibrium di allora. Contrapposi alla loro performance spettacolare quella dell'atleta di casa Equilibrium, Michel Sirotti allora ventenne che con enorme stupore da parte delle dirigenze Federali presenti, dimostrò di avere le caratteristiche per diventare il primo speedclimber Italiano....e in effetti, Michel  negli anni successivi, vestendo la maglia della Nazionale Italiana, sarà il protagonista più rappresentativo della specialità.

In definitiva mi sento di poter affermare che lo speed climbing Italiano è nato a Modena nel febbraio del 2006.

Negli anni successivi dedicherò molto tempo allo studio della tecnica e del miglioramento delle capacità condizionali relative alla specialità; scriverò nel 2012, come tesina di fine corso per allenatori di 3° livello frequentato a Roma, un trattato sulla tecnica speed riferita alla salita dello "speed record wall", l'itinerario omologato a livello internazionale che fu tracciato appunto nel 2006 per dare la possibilità agli atleti di gareggiare, in tutto il mondo, su di un percorso specifico e di stabilirne il record.

Dal 2010 al 2014 darò il mio contributo alla specialità seguendo per la Federazione la Nazionale Giovanile e Senior, sia negli stage che nel ruolo di team Manager alle competizioni internazionali; organizzando eventi speed di rilievo Nazionale e internazionale e adattando lo speed record wall arricchendolo di prese studiate appositamente, con la collaborazione Alessandro Angelini, per consentire a tutti la salita dell'itinerario omologato, al fine di stimolare le capacità dei giovani arrampicatori a partire dalle categorie under 10.

Attualmente seguo, come direttore sportivo il team gare Equilibrium, alleno atleti di interesse Nazionale e organizzo stage di allenamento.

In questo momento gli sport che pratico sono: arrampicata, escursionismo, mountain bike, golf, trek a cavallo, pesca a mosca, corsa.

Chiunque fosse interessato a seri progetti di allenamento, può contattarmi alla mia mail.

Sergej Sinicyn  Anna Stenkovaya  

 

            Alexander Piratinsky e Sergej Sinicyn; Anna Stenkovaya; Michel Sirotti

 

INFO varie:

Alcuni Atleti con i quali ho avuto il piacere di lavorare.

ATLETA SPECIALITA'
ALESSANDRA MAMMI SPEED E LEAD
ALESSANDRA ZANETTI SPEED
ALESSANDRO BOULOS SPEED
ALESSANDRO SANTONI SPEED
ANDREA BIASSONI SPEED
ANNA CALANCA SPEED
ANTONIO PRAMPOLINI SPEED
ASJA GOLLO SPEED
BIASSONI ANDREA SPEED
CARLOTTA ALLERTSEN BOULDER, LEAD E SPEED
CARLOTTA BEGNOZZI BOULDER, LEAD E SPEED
CATERINA MONTI SPEED
CHIARA ROGORA SPEED
CHRISTIAN DORIGATTI SPEED
DANIELE BALESTRAZZI BOULDER, LEAD E SPEED
DAVIDE BUOSO SPEED
DAVIDE DALLARI SPEED
ELENA GOVONI SPEED
ELISABETTA DALLABRIDA SPEED
ERIKA MATTIOLI BOULDER, LEAD E SPEED
FEDERICA MINGOLLA SPEED
FRANCESCO ALLERTSEN BOULDER E LEAD
FRANCESCO BARBIERI BOULDER E LEAD
FRANCESCO GOVONI BOULDER, LEAD E SPEED
FRANCESCO PROFICO SPEED
GEORGOS PROGULAKIS BOULDER E LEAD
GIACOMO INGRAMI SPEED
GIAN LUCA ZODDA BOULDER, LEAD E SPEED
GIANLUCA SIROTTI BOULDER, LEAD E SPEED
GINEVRA CASELLATO BOULDER, LEAD E SPEED
GIORGIA STRAZIERI LEAD E SPEED
GIULIA FOSSALI BOULDER, LEAD E SPEED
GIULIA GOLLO SPEED
ILARIA GUIDOTTI BOULDER, LEAD E SPEED
JACOPO COVILI SPEED
JACOPO STEFANI SPEED
JESSIKA MORANDI SPEED
LEONARDO GIANNOTTI SPEED
LEONARDO GONTERO SPEED
LEONARDO SANDRIN SPEED
LORENZO MAJOR LEAD
LUCA CAMANNI SPEED
LUCA POPPI LEAD
LUDOVICO FOSSALI BOULDER, LEAD E SPEED
MARCO ERSPAMER BOULDER E LEAD
MARIO CALANCA BOULDER, LEAD E SPEED
MARTINA ZANETTI SPEED
MASSIMO LAISO LEAD
MATTEO GEROSA SPEED
MICHEL SIROTTI BOULDER, LEAD E SPEED
MICHELA FACCI SPEED
MICHELE MARCOLLA SPEED
PAOLO MARTIGNENE SPEED
PORTA SILVIA SPEED
SARA MORANDI SPEED
SARA MORANDINI SPEED
SILVIA SCHEDONI LEAD
STANISLAO ZAMA SPEED
STEFANO GHISOLFI SPEED
TERESA GALLUCCI SPEED
TOMMASO BEGNOZZI BOULDER, LEAD E SPEED
TOMMASO BIANCHEDI

SPEED

Visita Il Medagliere di Equilibrium